OSSERVATORIO INTERNAZIONALE DI DESIGN / INTERNATIONAL DESIGN OBSERVATORY
home

What is the meaning of life. An interview with Peter Biľak / Qual è il significato della vita. Intervista a Peter Biľak

[text] Roberto Arista e Filippo Taveri, Italy / [images] Valentina Gnassi, Italy

Peter Biľak, one of the most important figures of Dutch type design, has
been called from ISIA Urbino to teach Communication Design in the master
degree course. During his stay he gave an open lecture in which he
described his works and approach to design practice. An undeniable ability
for synthesis, always a very clear point of view and never a word more than
necessary to convey a content. To our great pleasure, in between classes,
he also found time to release a short interview.


Why did you choose the title “What is the meaning of life” for your lecture of this afternoon?
I couldn’t think a better name! Probably I’m trying to bring people to the lecture.
Well, seriously, for me every lecture is a reflection on what I’m doing. So it gives you the possibility to have a small break from what you are busy with, it allows me to see what will be the next step. I enjoy this talks because it is helpful for me to summarize what I am working with.
I start seeing that work and life are strictly interrelated, that it is very hard to separate them. I realize that what we are busy with is not a short time project: it is our life’s project. What I am doing now is designing my life, in the way I find best or adequate. Thus the title refers to this connection between life and work, about the importance of being conscious that whatever you do right now shapes your future. You don’t see this very moment when you look backwards, but retrospectively, you can always see how something is connected. I started being very focused on the moment we are right now, and this is what we will be talking about also.

According to you, which is the best way to shift from study to work in a satisfying way?
I don’t know what is the best way, because I only did once!
Maybe the lucky coincidence was that I had a smooth transition, I was doing some work while studying already and gradually it became more and more. It wasn’t an abrupt end. Many design schools try to simulate it by the curricula, by sending people for internships, by realizing professional projects inside the classes. I don’t really know what is the best way; I think it depends on the individual. For me it was a way to produce work while I was student, so it gave me a bit of head start.
What is more common now is that people go back and forth between school and real life, starting working and going back to school. It is no longer one way direction. Of course there is a period of required education. But after that you can decide what to do, you make your own choices.

What suggestions would you give to students who want to start a studio?
There are two kinds of people. Some people are better employees than entrepreneurs. I mean that you need an entrepreneurial spirit to set up a studio, and some people are not made for this. If you start a studio you would have to do many things and some of this you may not enjoy such as cleaning the studio, paying your taxes, writing invoices, negotiating with clients. Design will be just a small precious part of it. Some people really want to spend full time just doing one thing, which is fine: they can find their role in a big structure where someone else does the other tasks. I actually enjoy doing everything and I don’t find it boring. You need to recognize by yourself what kind of person you are and if you are able to deal with these many different aspects of running a studio. I don’t think that this is the only choice people have – finishing school and starting a studio – it is not really wise. It is important to get some experience by working somewhere and observing how a studio works, and then decide.

What are you doing in your class at Royal Academy of Art in The Hague?
At the TypeMedia master course, I teach during the first semester intensively, from September to February, every week, and during the second semester only once a month, because the students start the individual final projects so they don’t have lessons. In this course I introduce them to a number of subjects, because it is always important to know the context. But I don’t assign technical exercises which are covered by other teachers.
We talk a lot about the role of language and how typography is a basic reflection of language, that is why both are not static, but they are developing over time. We talk a lot about motivations: why would we need new fonts; I think it is very important to answer to this questions. I look closely at language, not just Latin languages, because I find that looking at the linguistic structure of non-Latin languages is inspiring to understand the writing principles of other scripts. Often it brings the students out of the comfort-zone, because they confront with something that they have never done before and have to re-think every step. We consider methodology of how to approach completely unfamiliar scripts: if you have to work with these, how to make a research to be able to contribute to these, and so on. We usually start with an easier one, like Greek, which is quite related, and possibly do something completely unrelated. It is a good exercise, because by doing it not only they discover new languages or scripts, but they start to have a different understanding of their own script and language too. Anyway I attempt to change my course year to year with new subjects.

Can you describe what you’re doing with your students at ISIA in Urbino?
I was asked to do an editorial design workshop, and I suppose the request comes because of my experience in working with magazines. But I wanted to shift the attention from designing to content, looking at how the content naturally has its own form, predisposition for form. We are looking at how design happens. And it is a completely different level when we try to design the experience of a reader. We are not doing it just by formal exercise or playing with composition, but by making choices of material for the reader. So we’ll be spending most of the time looking at sources and researching. During this workshop we are working with biographies of well-known people and the student have to choose three different personalities. Among the enormous amount of material that is available they have to make a critical selection of what is relevant and how to present it. In this kind of work where design happens from inside-out, by collecting the material you create some kind of substance which will become at the end, by itself, design: design happens almost unconsciously. It is a very different way than looking from the outside and just arranging the contents. I don’t know if it is common or not, but this is how editors and journalists work.

Which differences did you notice between students coming from different countries?
Education is getting all mixed. In the course where I teach in the Hague – it is very international – curiously it is incredible that the crew spontaneously, once in the same place, works as they are one. None of them is Dutch, they come from all over the places, but you don’t see it in results. In the end of the year, when you look at them, you would say that it is almost Dutch design. It isn’t your personal background, but it is probably the conditions that allow you to do something. It is pretty like getting different football players to a club, they somehow work together to “produce” English, Italian or Spanish football.
I think that something happens in a group which is really interesting: what I enjoy about places like ISIA – that is a small place – is that students come from very different places, which means that they tend to create very strong group, and you can feel it. If I would teach in a big city like Milano or in Paris, people finish at 4 pm and go home having different lives. Here the people live their life in a continuous and more intense way. Many good schools are situated in small cities outside of centres, because it allows to focus. What is different? I don’t really see big differences. People are quite serious and dedicated, that’s the trademark of postgraduate education also. You don’t need to motivate them too much, they know why they’re here.

Have you got a theory about the evolution of typography in years to come?
I was never good in forecasting the future; if you hear someone who has definite answers, you should be sceptical. Of course by looking backwards you understand a bit of what is happening.
Typography always has reacted to the changes of technology, and if it doesn’t it fails. I think that we will continue doing so; people have to react to the changes of reproduction technology and it is obvious that more and more reading happens on the screen. That is just a fact, it is undeniable. The screen will continue having quite larger influence, and it will start assimilating what we know about the print, with items like Ipad and Iphone. It is quite a big change, because print was predominant medium of knowledge for centuries, and now, in a short time, it is really going to be, I don’t know if reversed, but certainly enlarged by the screen that becomes an important medium. I think there are many possibilities; I haven’t seen many experiments on the possibility of time elements and motion given by screens. If you look at all the typefaces designed, 99% of font were designed for print. Suddenly designers have the possibility to rethink how to make something for different media and it is again exciting, it is a medium that can refresh and update itself, that can do more and more. It doesn’t need to be static. I don’t know exactly the answer, but I think that reacting to the conditions and possibly enlarging them is what design is always been doing, and it would continue doing.


Biography
Peter Biľak born in Czechoslovakia, now living in the Netherlands, has been working at Studio Dumbar, and later opened his own studio in The Hague, working with publishing, graphic and type design, combining also teaching activity at the Royal Academy of Arts in The Hague. In 1999 he creates Typotheque, type foundry, and in 2000 he founded the design magazine Dot Dot Dot with Stuart Bailey; in 2009 co-founder of the Indian Type Foundry (ITF) and currently writes for design magazines and contributes to the making of contemporary ballet performances.



Qual è il significato della vita. Intervista a Peter Biľak
Peter Biľak, uno dei più importanti esponenti del type design olandese, è stato chiamato dall’ISIA di Urbino per condurre un corso di Design della Comunicazione presso la specialistica di editoria. Durante la sua permanenza ha tenuto una conferenza aperta al pubblico nella quale ha descritto i suoi progetti e il suo approccio alla professione. La sua capacità di sintesi è innegabile, mai una parola più del dovuto per trasmettere un concetto. Con nostro grande piacere, tra una lezione e un’altra, ha trovato il tempo di rilasciare una breve intervista.


Come mai ha scelto il titolo “What’s the meaning of life” [NdT “Qual è il significato della vita”] per la sua conferenza?
Non riuscivo a trovare un titolo migliore! Probabilmente sto cercando di avere un pubblico più vasto alla mia conferenza. Parlando seriamente, per me ogni volta diventa un’occasione per riflettere su quello che sto facendo. Questi momenti danno la possibilità di fare una breve pausa dalla routine e permettono così di vedere quale sarà il prossimo passo. Mi piacciono questi dibattiti, mi aiutano a fare il punto della situazione. Ho da tempo cominciato a realizzare che il lavoro e la vita sono strettamente correlati e che è molto difficile tenerli separati. Mi rendo conto che quello a cui lavoriamo non è semplicemente un progetto a breve termine: è il progetto della nostra vita. Ciò che sto facendo adesso è progettare la mia vita, nel modo che mi soddisfa di più o che trovo più adeguato. Perciò il titolo si riferisce a questa connessione tra vita e lavoro, a quanto sia importante essere consapevoli che qualsiasi azione svolta nel presente contribuisce a dare forma al proprio futuro. Quando si guarda all’indietro non si è in grado di vedere “questo preciso istante”, tuttavia è sempre possibile rendersi conto di come gli eventi siano connessi fra loro. Ho iniziato ad essere molto concentrato sul presente e anche questo è ciò di cui parleremo.

Secondo lei, qual è il miglior modo per passare dal mondo dell’istruzione a quello del lavoro in maniera soddisfacente?
Non so quale sia il modo migliore, io l’ho fatto solo una volta!
Probabilmente la fortunata coincidenza è stata che ho avuto un passaggio graduale, realizzando già mentre studiavo alcuni lavoretti, che progressivamente mi hanno preso sempre più tempo. Non è stata una fine brusca. Molte scuole di design cercano di riprodurre nel piano di studi tale passaggio, mandando gli studenti a fare dei tirocini, realizzando progetti professionali durante i corsi. Davvero non so quale sia il miglior modo; penso che dipenda dalle singole persone. Per me si è trattato di lavorare mentre ero studente e ciò mi ha dato un piccolo vantaggio.
La cosa più comune adesso è che le persone vanno avanti e indietro fra la scuola e la vita reale, cominciando a lavorare e tornando successivamente a studiare. Non esiste più una direzione univoca. Ovviamente c’è un periodo di formazione necessaria. Ma dopo di ciò sei tu a decidere cosa fare, sei tu a fare le tue scelte.

Che suggerimenti darebbe agli studenti che vogliono avviare uno studio?
Esistono due tipi di persone: alcuni si trovano meglio nel ruolo di impiegati piuttosto che di imprenditori. In altre parole, per mettere su uno studio serve spirito imprenditoriale ed alcune persone non sono tagliate per questo. Nel momento in cui si avvia un’impresa, ci si ritrova ad occuparsi di molte cose e alcune di queste potrebbero non essere entusiasmanti, come pulire lo studio, pagare le tasse, compilare le fatture, trattare con i clienti. La progettazione sarà solo una piccola preziosa parte di tutto questo. Alcune persone desiderano intensamente passare tutto il loro tempo a fare soltanto una cosa, il che va anche bene: essi possono trovare il loro posto in una grande struttura, in cui qualcun altro svolgerà le altre mansioni. In realtà a me piace fare tutto e non trovo che sia noioso. È necessario che ognuno riconosca da sé le proprie attitudini e se sia capace di occuparsi dei differenti aspetti dell’aprire uno studio. Non penso che questa sia l’unica scelta che le persone abbiano – finire la scuola ed aprire uno studio – non è molto saggio. È importante fare un po’ di esperienza lavorando da qualche parte e osservare come uno studio funzioni, e poi decidere.

Che argomenti affronta durante il suo corso alla Royal Academy of Art de L’Aia?
Io insegno al Master TypeMedia per tutto il primo semestre, da settembre a febbraio, ogni settimana, e durante il secondo semestre solo una volta al mese, perché gli studenti iniziano i loro progetti individuali di fine corso per cui non hanno lezioni da seguire. In questo corso li introduco ad una serie di argomenti, perché ritengo sia sempre importante conoscere il contesto. Non assegno però esercizi tecnici che vengono svolti nei corsi di altri docenti.
Parliamo molto del ruolo del linguaggio e di come la tipografia sia essenzialmente un suo riflesso, motivo per cui entrambi non sono affatto statici, ma si sviluppano nel tempo. Parliamo anche molto di motivazioni, come ad esempio, della necessità di progettare nuovi caratteri; penso sia molto importante rispondere a tali domande. Io guardo con molta attenzione al linguaggio, non solo alle lingue latine, perché trovo che osservare la struttura linguistica delle lingue non-latine sia d’ispirazione per comprendere i principi della scrittura di altri alfabeti. Spesso ciò porta gli studenti fuori dalla zona di sicurezza, perché si confrontano con qualcosa che non hanno mai “toccato” prima e devono quindi riconsiderare ogni passaggio. Prendiamo in considerazione il modo in cui approcciare alfabeti completamente nuovi e non familiari: se sia il caso di lavorarci su, come indirizzare la ricerca per fornire un valido contributo, e così via. Di solito cominciamo con un alfabeto più facile, come il greco, che è abbastanza vicino al latino, eventualmente in seguito lavoriamo su qualcosa di totalmente estraneo. È un buon esercizio, perché svolgendolo non solo gli studenti scoprono nuovi linguaggi e alfabeti, ma cominciano anche ad avere una diversa consapevolezza della propria lingua e del proprio alfabeto. Ad ogni modo tento di integrare il mio corso di anno in anno con nuovi argomenti.

Può descrivere, invece, cosa sta realizzando con i suoi studenti all’ISIA di Urbino?
Qui mi è stato chiesto di svolgere un workshop di grafica editoriale, e suppongo la richiesta venga dal fatto che ho lavorato nella progettazione di alcune riviste (e credo la richiesta derivi dalla mia partecipazione alla progettazione di diverse riviste). Ho voluto spostare l’attenzione dalla progettazione al contenuto, interessandoci alla forma propria del contenuto, alla sua naturale predisposizione alla forma. Ci stiamo focalizzando su come il progetto prende forma da sé. Quando si tenta di progettare l’esperienza di un lettore si agisce su un livello completamente diverso. Non sto chiedendo loro, dunque, di fare un semplice esercizio formale di composizione, ma di selezionare il materiale per il lettore. Perciò passeremo la maggior parte del tempo ad osservare le fonti e a ricercare. Durante questo laboratorio ci occupiamo delle biografie di persone note e ho perciò chiesto agli studenti di scegliere tre diverse personalità. Tra l’enorme quantità di materiale disponibile essi si trovano a operare una selezione critica di ciò che sia rilevante e a riflettere su come presentarlo. In questo tipo di lavoro, in cui il progetto viene dall’interno verso l’esterno, ma mano che si raccoglie il materiale si viene a creare una sorta di sostanza che diventerà essa stessa, alla fine, design. Il progetto di sviluppa quasi inconsapevolmente. È un approccio molto differente rispetto al guardare dall’esterno e disporre soltanto i contenuti. Non so se sia comune o no, ma questo è il modo in cui redattori e giornalisti di fatto lavorano.

Quali differenze ha notato tra gli studenti provenienti da diverse nazioni?
L’istruzione è in continuo mescolamento. Curiosamente nel corso in cui insegno a L’Aia – che è molto internazionale – è incredibile che il gruppo spontaneamente, quando si ritrova nello stesso luogo, agisca come se fosse un singolo. Nessuno degli studenti è olandese, provengono da tutte le parti del mondo, ma ciò non lo si percepisce nei risultati. Alla fine dell’anno, quando li si osserva, si potrebbe dire che si tratti di design olandese. Non dipende pertanto dal background, ma sono probabilmente le condizioni che rendono possibile ciò. È quasi come mettere insieme dei giocatori di calcio in una squadra: essi lavorano insieme per “produrre” calcio inglese, italiano o spagnolo.
Credo che accada davvero qualcosa di estremamente interessante in un gruppo: quello che mi piace di posti come l’ISIA – che è in un piccolo centro – è che gli studenti provengono da luoghi diversi, il che significa che essi tendono a creare dei gruppi molto saldi, e ciò lo si riesce a percepire. Se insegnassi in una grande città come Milano o Parigi, gli studenti finirebbero alle 4 del pomeriggio e tornerebbero a casa alle loro vite. Qui le persone passano i propri giorni in un intenso continuum. Molte scuole valide sono situate in piccoli centri, lontani dalle metropoli, perché permettono agli studenti di concentrarsi. Quali differenze ho notato? Davvero non noto grosse differenze. I ragazzi sono abbastanza seri e motivati, che è del resto il segno distintivo dell’istruzione specialistica. Non c’è bisogno di spronarli troppo, sanno perfettamente perché sono qui.

Come pensa che si evolverà la tipografia negli anni a venire?
Non sono mai stato bravo a prevedere il futuro e consiglio di diffidare da chi pretende di farlo. Certamente, guardandosi indietro è possibile comprendere meglio ciò che sta per accadere. La tipografia ha sempre reagito alle evoluzioni della tecnologia, e se ciò non accade essa fallisce. Sono convinto che continuerà ad essere così; le persone devono reagire ai cambiamenti delle tecniche di riproduzione ed è ovvio che la lettura avviene sempre più sullo schermo. È un dato di fatto, è innegabile. Lo schermo continuerà ad avere un’influenza piuttosto larga e comincerà ad assimilare quello che conosciamo riguardo la stampa, con devices come Ipad e Iphone. È un cambiamento piuttosto importante, perché la stampa, che è stata per secoli lo strumento predominante per la conoscenza, adesso, in breve tempo, comincia ad essere sicuramente affiancata, non so se addirittura sostituita, dalla visione su schermo. Penso ci siano tante potenzialità inesplorate; non ho visto finora molti esperimenti sulle possibilità di usare elementi temporali e di movimento offerte dai nuovi strumenti. Se si osservano tutti i caratteri disponibili, il 99% di questi sono stati progettati per la stampa. All’improvviso i progettisti hanno la possibilità di ripensare come realizzare qualcosa per media differenti, e questo aspetto è nuovamente eccitante, si tratta di mezzi che hanno la possibilità di rinnovarsi ed aggiornarsi, in grado di fare sempre più cose. Non hanno bisogno di essere statici. Non conosco esattamente la risposta, ma penso che reagire alle condizioni e possibilmente allargarle è quello che il design ha sempre fatto e continuerà a fare.


Biografia
Peter Biľak nato in Cecoslovacchia, vive attualmente nei Paesi Bassi; ha lavorato presso lo Studio Dumbar e successivamente ha aperto un suo studio a L’Aia, dove lavora nel campo dell’editoria, della grafica e del type design, accostando anche l’attività di insegnamento presso la Royal Academy of Arts de L’Aia. Nel 1999 crea Typotheque, fonderia di caratteri, nel 2000 fonda la rivista di design Dot Dot Dot con Stuart Bailey; nel 2009 è co-fondatore dell’Indian Type Foundry (ITF); attualmente scrive per riviste di design e collabora alla creazione di spettacoli di danza moderna.


Inserito da aiapzine | 21.05.12 | commenti (0) | Interviste | stampa




 
NOTIZIE DA AIAP
apri

 

apri

Roberto Pieracini, Peter Biľak, Eduardo Fichera  

apri

Peter Biľak  

apri

Manifesto di Silvia Agozzino  

apri

 

apri

 

AiapZine
periodico online
Milano
1/2011
ISSN: 2039-9901


Aiap

associazione italiana design della comunicazione visiva

Ultimi commenti


Cerca



Archivi


Notifica



 
Per Cancellarti clicca qui.